La donna che ha tossito per l'autista di Uber si presenta

Prima Pagina


UNsecondo sospettonell'attacco virale di San Francisco Uber si è arreso alle autorità. Arna Kimiai, la donna che è stata vista in video tossire sull'autista di Uber Subhakar Khadka, è ora sotto custodia della polizia.

Seth Morris, l'avvocato della donna, ha detto il suo clienteè stato arrestatodomenica sera (14 marzo) ed è attualmente nel carcere femminile di San Francisco. Abbiamo coordinato la sua resa con il sergente. Tony Santos di SFPD in modo che potesse essere gestito pacificamente e rapidamente, ha affermato in una nota. La signora Kimiai ha agito in modo appropriato e responsabile quando ha scoperto di avere un mandato di arresto, coordinando la sua consegna pacifica attraverso il suo consulente legale e l'SFPD. Non abbiamo ulteriori commenti in questo momento.

Kimiai è stato accusato di un mandato d'arresto per rapina, aggressione e percosse, cospirazione e violazione della salute ecodice di sicurezza.

Il 7 marzo Kimiai,Re della Malesiae una terza donna è stata ripresa in video mentre imprecava e urlava contro Khadka mentre erano nel suo veicolo. Secondo quanto riferito, si è fermato per dire alle donne di indossare le mascherine durante il viaggio. A un certo punto, Kimiai ha tossito in faccia all'autista, si è strappato la maschera e ha urlato, ho Corona! Ha anche afferrato il suo cellulare e lo ha chiamato insulti razzisti. La polizia crede che una delle donne abbia spruzzato spray al peperoncino all'interno dell'auto.

Pochi giorni fa, King, la donna vestita di rosso nella clip, lo eraarrestato e accusatocon aggressione e percosse, aggressione con una sostanza chimica caustica, cospirazione e violazione di un codice di salute e sicurezza.

Uber ha rilasciato una dichiarazione ringraziando il dipartimento di polizia perarrestare i sospetti. Ringraziamo il dipartimento di polizia di San Francisco per la loro rapida azione, si legge nella dichiarazione. Uber non tollera il razzismo o l'odio in nessuna forma, contro nessuna comunità. Quando una comunità viene attaccata, veniamo tutti attaccati. Siamo scioccati e rattristati dal recente aumento dell'odio anti-asiatico, in particolare quando colpisce un guidatore o un motociclista. In questo caso, abbiamo bandito tutti e tre i piloti e siamo stati in contatto con Mr. Khadka per offrire il nostro supporto.